Prof. Romolo Continenza

Nome: Romolo
Cognome: Continenza
Qualifica: Professore associato
Settore Scientifico Disciplinare: ICAR/17 (Disegno)
Struttura di afferenza: Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile – Architettura, Ambientale
Email: romolo.continenza@univaq.it
Telefono Ufficio: +39 0862 43.4117
Fax Ufficio: +39 0862 43.4143
ELENCO CORSI

 

CURRICULUM SCIENTIFICO

Docente del Corso di Disegno dell’Architettura II nel Corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura, Facoltà d’Ingegneria, Università dell’Aquila.
È professore associato in Disegno (ICAR 17) presso l’Università dell’Aquila.
Si è laureato in Ingegneria Civile Edile presso l’Università degli Studi dell’Aquila.
La sua attività di ricerca è orientata allo studio di tematiche connesse alla rappresentazione architettonica, al disegno del progetto di architettura, con approfondimenti particolari sugli aspetti linguistici e sulla strutturazione dei tessuti urbani. Svolge attività di rilevamento e di studio di architetture e tessuti urbani ma anche di contesti archeologici. Ha lavorato a ricerche sul disegno ed il progetto di alcune tipologie edilizie e sulla vasta problematica connessa al rilevamento per il restauro e il recupero edilizio, urbano e paesaggistico. Tali studi sono stati presentati in occasione di conferenze, convegni, seminari e inoltre pubblicati su riviste specializzate e in saggi monografici.
È membro del collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in “Archeologia medievale: strutture della società, insediamenti e organizzazione del territorio, attività produttive”.
È impegnato in numerosi rapporti scientifici istituzionali con studiosi e ricercatori stranieri, in particolare è coordinatore e responsabile di numerose convenzioni bilaterali internazionali con Università e Istituti di ricerca in Europa, Asia, nelle Americhe.
Ha pubblicato, fra l’altro: Architetture di Herman Hertzberger: dalla forma alla partecipazione, Roma 1988; Rieti: tessuti urbani e architetture , in Rieti, Rieti 1992 pp. 63-86; La residenza per anziani: criteri di programmazione e progettazione, Milano 1995, in collaborazione; Il Disegno, Teramo 1996; Il progetto in tessuti urbani consolidati, riflessioni su due diverse metodologie di approccio al tema, in Centri antichi minori d’Abruzzo, recupero e valorizzazione, S. Bonamico, G. Tamburini (a cura di), Roma 1996, pp. 365-384; Il rilievo delle trasformazioni urbane: il caso dell’edificio di spina di S. Stefano di Sessanio, in “Quaderno del dipartimento di architettura ed urbanistica”, n.s., 1, 1996, pp 7-24; Hermoupolis/Syros: immagini di città a confronto: descrizione dell’ambiente antropizzato sull’isola greca fra quindicesimo e diciannovesimo secolo nelle rappresentazioni di geografi e vedutisti, ibidem, pp 25-44; Iconografia ed iconologia della città tedesca fra medioevo e rinascimento, in Medioevo europeo e mondo germanico, La Spezia, 1997, pp. 25-67; Materia e colore nell’architettura di Plečnik e della Wagnerschule, in D. Fiorani (a cura di), Il colore nell’edilizia Storica, Roma 2000 p. 111-115; Herman Hertzberger, disegni di studio e taccuini di viaggio, in “Disegnare, idee-immagini”, 20-21, 2000, pp. 71-82; Rilievo della villa Correr-Dolfin a Rorai piccolo (Pn), in R. Strollo (a cura di), Architettura e Ambiente, Roma 2004, pp. 99-126.